L’Orto d’Arte – Simone Patarini

 

 

L’ORTO d’ARTE di via Bagaini 20 a Varese accoglie nuove opera.

Grazie all’Associazione Culturale Parentesi, allo Spazio Lavit e al contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto, dal 1 aprile al 2 maggio 2017 sarà possibile ammirare l’installazione di Simone PatariniPERSONAGGI

L’artista ha deciso di portare nell’Orto d’arte tre figure, realizzate in ceramica, che fanno riflettere sulla società contemporanea. Il trio è formato da persone con bagagli culturali diversi che si trovano a dialogare, nella medesima epoca storica. Un incontro che permette di pensare a cosa accade oggi e vuole muovere un dibattito creativo e costruttivo in un ambiente in continuo movimento. Il giovane ceramista si interroga e ci interroga anche sul mondo dell’arte, sul valore dell’opera, sull’effettiva valenza creativa o sull’uso di tali lavori solo a fini di mercato e di business. Durante l’inaugurazione, sabato 1 aprile alle 11.00, si terrà una performance dell’artista.

Artista poliedrico, Simone Patarini, sperimenta diverse tecniche prima di trovare il proprio canale espressivo; nel 2003 inizia a realizzare oggetti in ceramica (bicchieri, scatole…), alla fine del 2004 si avvicina alla pittura, dapprima realizzando quadri a china e matita, per poi riassumere le diverse tecniche acquisite nella realizzazione di pannelli e installazioni prevalentemente in ceramica ragù. La sua passione è la ceramica e proprio con le opere realizzate con questa antica tecnica partecipa alle prime mostre e manifestazioni artistiche, riscuotendo i primi successi. Ama sperimentare diverse tecniche artistiche, accostando ed unendo materiali eterogenei. Il suo rapporto con l’arte è un piacere e una continua ricerca personale, viaggiando con il pensiero e dando libero sfogo a sogni e sensazioni. Grazie a tutti coloro che lo hanno fatto crescere e che lo accompagnano nel suo cammino artistico, ha potuto approfondire la tecnica ed esprimere la sua naturale creatività. In una realtà standardizzata secondo canoni imposti dalla società, il pensiero di Simone Patarini è in continuo movimento ed oltrepassa la comune concezione dell’arte, dando anima e vita ad ogni sua opera. L’unicità delle sue creazioni fa in modo che ogni pezzo abbia una parte del suo essere.

Hanno detto  …

Tre totem antropomorfici in ceramica che l’artista Simone Patarini monta davanti agli occhi del pubblico. E’ partita così, ieri mattina, l’installazione dal titolo Personaggi sorta nell’Orto d’Arte di via Bagaini a Varese. Un evento d’arte che è stato promosso dall’Associazione Culturale Parentesi, dallo Spazio Lavit, in collaborazione con EDIL3 Immobiliare e con il contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto. Pezzo su pezzo nascono i tre personaggi-totem che dialogano tra loro. Un dialogo consentito dalle piastrelle di ceramica che, seminate sul prato, distribuite tra il pubblico, costituiscono le parole del dialogo. Ma chi sono davvero questi personaggi raffigurati da Patarini? “Sono personaggi dell’Associazione Parentesi, soggetti di un’associazione culturale attiva sul territorio varesino”.Totem in ceramica raku, che nello spazio di via Bagaini si parlano e si confrontano. Un’opzione per la ceramica, dopo che, in quello stesso spazio, altri artisti si sono confrontati con altri materiali, ferro, legno, tela. Questa volta è il momento della ceramica che Patarini utilizza come simbolo di umanità e cultura umana, guardando al di là di confini e orizzonti noti, puntando lo sguardo sul futuro di un’umanità che ama la pace e aborrisce la guerra. Il tutto confermando, ancora una volta, la bontà dell’intuizione che sta alla base dell’Orto d’Arte: l’arte all’aria aperta, angolo di città, realtà proposta a tutti.

 varesereport

L’orto d’arte: il progetto

Nella zona centralissima della città giardino, via Bagaini 20, stanno nascendo i primi frutti di una semina fatta da Alberto Lavit, titolare dell’omonimo Spazio Lavit in via Uberti 42 e Presidente di Parentesi. Grazie alla disponibilità e accoglienza di EDIL3 Immobiliare Varese – con cui Lavit ha siglato un accordo – nasce l’ORTO d’ARTE. Due appezzamenti verdi di 80 e 75 mq di proprietà dell’Edil3, recintati e con video sorveglianza, diventano sito di installazioni di artisti, nazionali e non, cambiando di volta in volta. Seguendo l’esempio di altre città italiane e soprattutto delle moderne capitali europee che sono abituate a rendere omaggio all’arte contemporanea in spazi aperti, così anche Parentesi allarga i propri orizzonti. Questa frizzante idea offrirà ai cittadini un assaggio d’arte totalmente gratuito, proprio lungo una via di grande passaggio che incrocia il termine del corso pedonale. Continua così il percorso di Parentesi, che fin dalla sua fondazione nel 2011, ha sempre cercato di creare un dialogo con la città, offrendo la cultura a tutti, proprio attraverso installazioni site specific come quelle attualmente in corso ai Giardini Estensi che vede protagonista Equity di Sandro Del Pistoia o donazioni, come la mano rossa “SONO QUI” di Tomaino che saluta i cittadini in Viale Europa. Un’occasione importante anche per gli artisti, selezionati dalla galleria Lavit, che avranno una bella visibilità e uno spazio verde neutro dove esprimere la propria fantasia. L’ORTO d’ARTE cambierà aspetto ogni volta che verrà piantato un nuovo seme, installazioni e sculture di varia natura e materiale si alterneranno creando piccole mostre a cielo aperto.

 

unnamed

L’ORTO d’ARTE ha ricevuto il sostegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto

 

 unnamed Gianni Landonio 15 giugno – 3 settembre 2016 

unnamed  Giorgio Sovana  15 giugno – 3 settembre 2016 

cover-rossetti  Giona Rossetti  16 ottobre – 8 novembre 2016

alex sala   Alex Sala  24 settembre 2016 

 

ritratto_di_Tomaino Giuliano Tomaino  11 novembre 2016- 23 marzo 2017

148683740157009 Giorgio Presta – Gaetano Blaiotta  11 febbraio – 30 marzo 2017

patarini  Simone Patarini 1 aprile – 2 maggio 2017

Puttart-di-Monti-11 Puttart di Silvio Monti  

orto-darte OLTRE – Paolo Guadalupi e Francesco Faravelli

21950720_1683160535050936_2437520423456520405_o 3RE (TREzza-REgidore) – MOODS

orto d'arte 3

 

 

 

Lorenzo Martinoli 

 

stefano volpe

 

 

Stefano Volpe